Tajine di pesce stufato agli odori

Tajine di pesce stufato agli odori

Per 2 personeTempo: ~ Cucina: Marocchina

    Ingredienti

    • 1 confezione misto mare surgelata
    • 1/2 kg di cozze
    • 1 confezione di platessa surgelata
    • origano
    • prezzemolo
    • 1 bustina zafferano
    • 1 limone confit
    • 1 cipolla piccola
    • 1 confezione di pelati
    • mezzo dado
    • olio

Usare la tajine in cucina regala veramente tanta soddisfazione.

E’ una cottura lenta ma decisa, che mantiene e custodisce tutti gli aromi come uno scrigno prezioso. Allo stesso tempo permette di sperimentare deliziosi intrecci fra piatti etnici e nostrani, come questo stufato di pesce.

Preparazione

  1. Io ho usato la vera tajine ma si può fare anche in padella: la differenza sta nella tenuta degli aromi.
  2. Per prima cosa pulite e aprite le cozze con il metodo classico.
  3. Nella tajine mettere origano, foglie di sedano, prezzemolo, una bustina di zafferano, una cipolla piccola affettata fine, dei pelati (vanno bene anche i ciliegini) e un pò di aromi tajine cannamela o curcuma solamente, un goccino d’olio e iniziate a soffriggere.
  4. Poi unite mezzo dato e mezzo bicchiere di acqua e lasciate sobbollire a coperchio chiuso.
  5. Si può realizzare la ricetta con pesce fresco ma io per praticità ho aggiunto una vaschetta di misto mare pronto e 1 confezione di platessa tagliata a dadini.
  6. Piano piano aggiungete i vari pesci e lasciate continuare la cottura a fuoco vivace fino a quando il sughetto si è ristretto della metà.
  7. Se desiderate rendere il piatto ancora più “etnico”, aggiungete anche un limone confit, che dovrete avere l’accortezza di eliminare prima di servire nel piatto.

2 Commenti

  1. Al punto 2 dici di pulire e aprire le cozze… quali cozze?
    Non ci sono fra gli ingredienti. Forse intendevi quelle che si trovano nel misto mare surgelato?
    E sennò, quante ce ne vanno?
    Grazie

    • sai che me le sono proprio dimenticate? direi per una tajine mezzo chilo altrimenti rischi che non si cuocia bene

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*