Un angolo bavarese in Valsugana, la birreria Cornale

Un angolo bavarese in Valsugana, la birreria Cornale

Cucina: Tedesca

Ci sono quei posti di cui t’innamori al primo sguardo, che ti fanno sentire a casa e che ti fanno dire…io ci ritorno!

E’ quello che mi è successo al Cornale, una birreria/osteria nella famigerata Valsugana, a due passi da Bassano del Grappa, che una coppia di amici carissimi ci ha fatto scoprire nei giorni scorsi.

Il locale

Questo angolo di Germania nel cuore del Veneto si trova a ridosso delle alte pareti rocciose della valle, quasi invisibile ai turisti frettolosi che sfrecciano sulla superstrada arrivando da Trento, un angolo nascosto che solo i veri amanti della buona birra e della buona cucina possono meritarsi.

Qui Romano Cornale ha ristrutturato e portato a nuova vita un vecchio casale abbandonato che durante la prima guerra mondiale aveva il ruolo di abitazione di frontiera per gli ufficiali della finanza: infatti Forte Tombion, situato 200 metri più avanti, rappresentava all’epoca il confine fra l’Italia a l’Austria.

Arredandolo con materiale recuperato da vecchie birrerie di Monaco, crea uno stile ispirato ai conventi dei monaci agostiniani, ispirato dalla sua grande passione per la birra tedesca Augustiner, una delle più antiche e rinomate birrerie del mondo.

Si crea così una vera e propria sinergia di birre e cucina bavarese, tirolese e veneta che rende questo posto così unico.

Il Menù

In cucina regnano i sapori e i profumi della tradizione italo-tedesca: accanto ai tanti antipasti bavaresi con affettati e insalata di Monaco, troverete anche piatti della cucina veneta come il baccalà alla vicentina o bigoli a sugo d’anatra.

Fra i primi piatti non posso che consigliarvi i meravigliosi spatzel con burro e speck, che mi hanno conquistata per la loro squisita bontà.

Spatzel burro e speck

Ma da non perdere anche la zuppa di patate alla bavarese, i panzerotti alla monacense, gli gnocchi alla eneghese, i canederli al sugo e ovviamente la goulash soupe!

Per i secondi lo stinco di maiale con cotica croccante al forno e germoglio di radicchio di Chioggia, con lardo e aceto di birra è qualcosa di assolutamente divino: credo che sia il migliore stinco mai assaggiato dopo quello di Andechs in Baviera! Croccantezza magnifica, cottura perfetta e contorno da mandare in visibilio!

Ma potete anche sceglie il tris della birreria, lo stinco al forno con spatzel, il goulash, il carré affumicato con crauti, le scaloppine alla birra Pils, l’entrecôte alla maître d’hotel.

E se per voi i piatti bavaresi sono troppo pesanti potete sempre ripiegare sulle pizze, che hanno spesso ingredienti stagionali reperiti in loco come erbette spontanee, ortiche, bruscandoli, luppolo.

Le birre

Posto di primo piano ovviamente alle 7 birre della gamma Augustiner, che vengono spillate da un impianto unico al mondo, inventato dallo stesso Romano Cornale.

Si tratta di un impianto di spillatura “a caduta”, cioè senza gas di spinta. Quindi la birra è spillata con le stesse prestazioni di una birra in botte: la birra non è gasata ma vivace.

Io ho provato la Heller Bock, profumata, maltata, dalla schiuma compatta e persistente, è la birra bavarese per eccellenza. Inconfondibile dato il suo carattere classico dello stile Münchner, ma con la personalità di una vera Augustiner.

Ma i veri intenditori potranno scegliere tra l’Augustiner Dunkel, la tradizionale birra scura di Monaco, la Edelstoff, la Lagerbier Hell, una birra particolarmente delicata e frizzante,la Maximator, la Oktoberfestbier, la Pils e la Augustiner Weißbier, la birra al lievito per eccellenza dal color ambra.

I prezzi

La cordialità del personale, la bellezza del paesaggio, l’atmosfera tipicamente bavarese del locale, la bontà della birra e la qualità della cucina rendono questo posto davvero unico.

Prezzi modici per una serata all’insegna della bontà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*